Salta il men¨ di navigazione, vai al contenuto principale (Corpo centrale)

Pavullo nel Frignano

Renno

Vi si innalza una delle più importanti pievi romaniche della montagna modenese: la pieve di San Giovanni Battista, con le tombe dei Montecuccoli, che fu nel Medioevo il capoluogo religioso di gran parte del Frignano.

In epoca medievale Renno era un importante centro amministrativo per la raccolta delle imposte nella zona del Frignano, e giuridico, per l'amministrazione delle terre pubbliche e con la continua documentata presenza di giudici che operavano su una vasta area. Il borgo era presumibilmente spostato a Renno di Sopra dove ancor oggi è possibile rinvenire tracce di un castello altomedioevale la cui decadenza coincise con l'ascesa della potenza militare e difensiva di Montecuccolo.

La chiesa parrocchiale di San Giovanni Battista

Straordinaria è la vicenda di questa pieve, sorta alla confluenza del torrente Scoltenna con il Leo, là dove si forma il fiume Panaro: citata dall'890, era la più autorevole dell'Appennino modenese, con giurisdizione su oltre trenta chiese, quando Renno aveva ruolo di centro amministrativo e giudiziario del Frignano.

Le suggestioni del Medioevo si avvertono nella rustica struttura romanica, databile al XII secolo , caratterizzata dall'ampia facciata a capanna che si erge sul sagrato erboso.
La cappella di destra, d'impianto poligonale, intitolata all'Annunciazione di Maria, fu infatti costruita dal conte Cesare I, signore di ben ventiquattro castelli frignanesi, morto nel 1506; vi si trova la lastra tombale della sua sepoltura, assieme a quelle di altri esponenti della stessa famiglia. Sull'altare, nella ricca cornice intagliata e dorata si erge l'Annunciazione di Maria, dipinto commissionato nel 1593 dal rettore don Ercole Montecuccoli. Una tradizione locale - suggestiva, ma di fragile fondamento storico - narra come la bella acquasantiera in marmo rosso di Verona sia stata donata dalla contessa Anna Bigi Montecuccoli nel 1609, per il battesimo del figlio Raimondo, il celebre generale delle Armate Imperiali che fermò l'avanzata turca su Vienna nel 1664.

I recenti restauri hanno accresciuto il fascino primevo del maestoso interno, a tre navate, con due pilastri a sezione rettangolare - quello di destra con un affresco raffigurante un Battesimo di Cristo, di autore manierista del secondo Cinquecento - e gli altri dall'originale sezione ottagonale, rastremati, con basi, fusti e capitelli in un unico blocco di pietra.

Attraverso i secoli, la pieve vedrà la sua storia legarsi a quella di una grande casata di condottieri, i Montecuccoli feudatari del Frignano, il cui poderoso Castello domina la vallata di Pavullo.

Scheda informativa

Scheda informativa
CittÓ/LocalitÓ
Pavullo nel Frignano (MO)
Indirizzo
Renno
C.A.P.
41026

Itinerari

Itinerario del Romanico - Frignano
Romanico con gusto - itinerario storico

chiusura della tabella
ProprietÓ dell'articolo
data di creazione: giovedý 20 novembre 2008
data di modifica: giovedý 17 luglio 2014