Salta il men¨ di navigazione, vai al contenuto principale (Corpo centrale)

Castelfranco Emilia

Villa Sorra

Edificata nei primi anni del Settecento, è una delle più belle ville storiche del Modenese. Di notevole pregio il giardino “romantico” considerato il più importante tra i giardini informali presenti in Emilia Romagna.

Il Parco di Villa Sorra si estende per circa 30 ettari nella frazione di  Gaggio di Piano nel Comune di Castelfranco Emilia. È costituito dalla villa, da un giardino storico all'inglese, da un pioppeto esterno al parco che va trasformandosi in bosco planiziale e da prati e campi coltivati.

L'Edificio Nobile

Al centro del complesso sorge Villa Sorra, costruita per volontà del conte Antonio Sorra all'inizio del XVIII° secolo su progetto del bolognese Giuseppe Antonio Torri. L'edificio, a pianta quadrata e costituito da un corpo centrale sovrastato da un'altana, aveva originariamente un più accentuato volume piramidale dovuto alla presenza di un torrino esagonale che però fu demolito nel dopoguerra e mai più ricostruito. All'interno si conservano decorazioni e affreschi, nella cappella spettanti al modenese Francesco Vellani; le 12 tempere su tela che costituivano l'arredo delle due salette sono esposte nel Palazzo Ducale di Sassuolo.

Il giardino storico

Costruito nel Settecento assecondando gli schemi formali, all'italiana, dell'epoca, nella prima metà dell'Ottocento venne ristrutturato secondo le nuove regole compositive del giardino all'inglese per volere della marchesa Ippolita Levizzani, moglie del conte Cristoforo Munarini Sorra. Divenne così meta di tanti visitatori, da rendere necessario redigere, nel 1852, un regolamento per i "forestieri che potessero intervenirvi". Nel giardino di Villa Sorra compare quasi tutto il repertorio del "giardino romantico", secondo i precetti divulgati in Italia, tra gli altri, da Ercole Silva e Luigi Mabil. Conserva l'imbarcadero sul laghetto, l'isola in cui venivano sepolti i cani della famiglia, il finto rudere di una torre neogotica, nel gusto del rovinismo romantico, statue e scorci pittoreschi.

Il bosco

È costituito principalmente da farnie, carpini, aceri, olmi, pioppi, frassini e per lo strato arbustivo da corniolo, sanguinello, sambuco, lantana e biancospino.
Nello stagno e nei canali che circondano il giardino storico vivono vari anfibi, la tartaruga palustre, la natrice tassellata, il martin pescatore, la gallinella d'acqua, mentre nel bosco trovano rifugio ghiri, ricci, picchi, fringuelli, cince.

La tenuta, che conserva ancora oggi il nome dei Sorra (nobile famiglia che edificò il complesso e ne ebbe la proprietà per oltre due secoli), è dal 1972 di proprietà dei Comuni di Castelfranco Emilia, Modena, Nonantola e San Cesario sul Panaro.

Edificata nei primi anni del Settecento, è una delle più belle ville storiche del Modenese. Di notevole pregio il giardino “romantico” considerato il più importante tra i giardini informali presenti in Emilia Romagna.

Scheda informativa

Scheda informativa
CittÓ/LocalitÓ
Castelfranco Emilia (MO)
Indirizzo
Via Pieve, Gaggio di Piano
C.A.P.
41013
Url / sito
Orario

Il parco di Villa Sorra Ŕ aperto nelle ore diurne tutto lĺanno.

La Villa Ŕ attualmente chiusa a causa del terremoto 2012.

Il giardino storico Ŕ invece visitabile solo accompagnati dal personale autorizzato.

Visite guidate al giardino storico:
Tutte le domeniche e festivi da marzo a settembre. Punto di ritrovo: davanti al cancello.
Orari: marzo, aprile e maggio dalle 15.30 alle 17.00; giugno e settembre dalle 16.00 alle 17.30; luglio e agosto: ore 18.00.

Per i gruppi le visite possono essere effettuate tutto l'anno e anche durante la settimana, previa prenotazione.

IngressoIngresso al parco Ŕ gratuito.
chiusura della tabella
ProprietÓ dell'articolo
data di creazione: giovedý 21 agosto 2008
data di modifica: giovedý 10 luglio 2014