• I Luoghi della Memoria
    Itinerari storici

    I Luoghi della Memoria

    La provincia di Modena presenta una tra le più alte concentrazioni di musei e luoghi di memoria riguardanti la seconda guerra mondiale, alcuni dei quali di rilievo nazionale.
  • [Ebrei e solidarietà]

    Ebrei e solidarietÓ

    Se si esclude il campo di Fossoli, al quale è dedicato uno specifico itinerario, un percorso di conoscenza della storia ebraica nel territorio modenese durante gli anni Trenta e Quaranta non può non toccare Modena, Nonantola e Finale Emilia.
  • [La deportazione]

    La deportazione

    A Fossoli, frazione 6 km a nord di Carpi, sono ancora visibili i resti dell’ex campo di polizia e transito che tra dicembre 1943 e agosto 1944 funzionò come principale centro italiano di smistamento di deportati politici e razziali verso i campi di concentramento e di sterminio nazisti.
  • [Soldati in guerra]

    Soldati in guerra

    La vicenda dei soldati italiani e modenesi durante il fascismo e la seconda guerra mondiale comprende una moltitudine di storie non ancora del tutto raccontate.
  • [Bombardamenti]

    Bombardamenti

    Con l’avvicinarsi del fronte di guerra a Modena, nell’inverno del 1943-44, la vita degli abitanti fu drammaticamente complicata dal pericolo dei bombardamenti alleati, estesi anche ai punti strategici in provincia.
  • [Stragi e rappresaglie]

    Stragi e rappresaglie

    Se la violenza può essere considerata connaturata a uno status di paese in guerra, con l’occupazione tedesca e la nascita della Repubblica di Salò essa assunse più spesso i contorni di crimini contro l’umanità che di inevitabile conseguenza delle vicende belliche.
  • [Guerra e resistenza in pianura]

    Guerra e resistenza in pianura

    Allo scoppio della seconda guerra mondiale le condizioni di vita della popolazione, già gravi, peggiorarono ulteriormente a causa del razionamento dei generi di prima necessità e dell’arruolamento dei giovani nell’esercito, con la conseguente ricaduta dei lavori agricoli su donne e anziani.
  • [Guerra e resistenza in montagna]

    Guerra e resistenza in montagna

    La nascita e la progressiva organizzazione di banda partigiane in Appennino, dopo l’8 settembre 1943, diede vita ad un’intensa azione di contrasto all’occupazione nazifascista in tutta l’area montana.
  • [La linea gotica]

    La linea gotica

    Nell’autunno del 1944 l’Appennino tosco-emiliano divenne teatro dei tentativi alleati di sfondare la linea difensiva tedesca, conosciuta come linea Gotica, per liberare la pianura padana.