Salta il men¨ di navigazione, vai al contenuto principale (Corpo centrale)

Fiorano Modenese

Ville di Fiorano

In antichità definito “bellissimo sito" per il suo paesaggio collinare, è oggi un’importante meta per la ricchezza artistica e naturalistica del suo territorio. Da non perdere il Castello di Spezzano, la Riserva naturale delle Salse di Nirano e per gli amanti di automobilismo la pista della Ferrari.

Villa Coccapani - Via del Santuario

Situata in una delle zone più suggestive della collina fioranese, lungo la salita per il Santuario, venne edificata nei primi anni del Seicento per volere del conte Ludovico Ronchi, precettore del futuro duca Alfonso III d'Este.
Nel  1686 la villa-palazzo diveniva di proprietà dei marchesi Coccapani, feudatari del luogo, e ai primi del '900 ai conti Pignatti, loro eredi. Di notevoli dimensioni, è simmetrica rispetto al corpo centrale, più alto di un piano rispetto alle ali laterali. La parte centrale della facciata è stata modificata all'inizio del Novecento, sostituendo le tre arcate centrali d'ingresso e decorando i prospetti con ornati pittorici.

Villa Vigarani Guastalla - Via Ghiarola Nuova

La villa fu costruita su progetto dell'architetto ducale Gaspare Vigarani intorno al 1659 come propria residenza. Nell'800 appartenne ai Malmusi, notabili possidenti e professionisti modenesi, e quindi ai Guastalla, importante famiglia ebraica d'imprenditori. Durante la seconda guerra mondiale fu occupata dal Comando militare germanico e subì pesanti danni da bombardamenti.
La villa, oggi completamente restaurata, è sede di rappresentanza di Emilceramica e accoglie la "Mostra permanente di Ceramiche artistiche sassolesi". E' circondata da uno splendido parco "all'inglese" di circa 2000 piante, alcune delle quali di eccezionale rarità, come il 'Quercus ilex' ed il 'Quercus suber' (quercia da sughero), unico esemplare nella regione Emilia Romagna.

Villa Annoni Campori - Via Ghiarella, Spezzano

La villa, con parco e giardino geometrico all'italiana, caratterizzata dall'atrio interno a forma circolare con affreschi in stile pompeiano, fu ultimata nel 1859 ristrutturando il preesistente edificio già dei conti Bulgarini Visconti, giunto ai Campori di Modena, marchesi di Soliera, come dote di nozze di una Bulgarini.
Fu dimora di villeggiatura dei Campori che vi allestirono nel parco il primo campo da tennis della provincia di Modena. I discendenti Annoni Campori, perchè imparentati con l'antichissima famiglia milanese Annoni, ne sono gli attuali proprietari.

Villa Messori - Via Gramsci

Edificata nella seconda metà del Settecento quale residenza della famiglia Messori, è ubicata lungo uno degli assi viari di maggiore importanza dell'abitato di Fiorano: via Valle (attuale via Gramsci).
La villa, a pianta quadrata, é sormontata da un'altana centrale con tripla finestratura su quattro fronti.  All'interno si trova una piccola cappella privata con soffitto finemente dipinto; affascinante è la sala, un tempo destinata a biblioteca.

Villa Cuoghi - Via Gramsci

L'edificio presenta eleganti linee ottocentesche, dovute alla ristrutturazione di una precedente costruzione. Alla seconda metà dell'800 risalgono le pitture del salone d'ingresso, con vedute delle principali città italiane, presumibilmente opera di allievi di Adeodato Malatesta. Acquisita nel 1973 dall'Amministrazione comunale di Fiorano, villa Cuoghi è sede della Ludoteca comunale, di esposizioni e circoli culturali

Villa Pace - Via Marconi

Venne edificata, probabilmente su di un edificio preesistente, nel corso dell'Ottocento e restaurata nell'interno agli inizi del Novecento. È circondata da un ampio parco. La facciata principale presenta una parte centrale sporgente evidenziata da una loggia a tre archi a cui si accede da un'ampia scalinata; caratteristica la torretta laterale con loggiato. Acquisita dall'Amministrazione comunale, è oggi la sede di vari Assessorati.

Scheda informativa

Scheda informativa
CittÓ/LocalitÓ
Fiorano Modenese (MO)
C.A.P.
41042
Url / sito
chiusura della tabella
ProprietÓ dell'articolo
data di creazione: mercoledý 20 agosto 2008
data di modifica: giovedý 6 agosto 2015