Salta il men¨ di navigazione, vai al contenuto principale (Corpo centrale)

Modena

Complesso Sant'Agostino

Ex Ospedale Sant'Agostino, ora oggetto di riqualificazione per la realizzazione di un Polo della Cultura.

L’Ospedale Sant’Agostino, dalla caratteristica forma a “tenaglia”, nacque come Grande Spedale degli Infermi tra il 1753 ed il 1758 per volere del Duca Francesco III.

Nel 1772 fu ampliato, raddoppiando il fronte su via Emilia per ospitare l’infermeria militare. Fin dalla sua origine, ma in particolare durante l’Ottocento, le vicende storiche e politiche del Grande Spedale sono state strettamente legate alle sorti dell’Albergo dei Poveri, attuale Palazzo dei Musei. La prima guerra mondiale e la successiva crescita demografica fecero sorgere la necessità di creare un nuovo polo ospedaliero costruito poi nel secondo dopoguerra. Nonostante la costruzione del Policlinico, l’Ospedale Sant’Agostino è rimasto in funzione fino al 2004, anno in cui tutto il personale, le strumentazioni e le attività cliniche sono stati trasferiti nel nuovo ospedale di Baggiovara.

Il progetto di riqualificazione del Complesso per la realizzazione di un Polo della Cultura porta la firma di Gae Aulenti. È uno degli ultimi ai quali ha lavorato l’architetto milanese e prevede la trasformazione del settecentesco ospedale Sant’Agostino di Modena in un grande Polo culturale di 23 mila metri quadrati.

Scheda informativa

Scheda informativa
CittÓ/LocalitÓ
Modena (MO)
Indirizzo
Largo di Porta SantĺAgostino, 228
C.A.P.
41121
Url / sito
chiusura della tabella
Ufficio di riferimento
ufficio: ·› Area Deleghe
···› Commercio e turismo
ProprietÓ dell'articolo
data di creazione: mercoledý 25 giugno 2014
data di modifica: giovedý 17 luglio 2014